domenica 29 novembre 2009

Il protocollo di Kyōto


In questi giorni si sta parlando della conferenza climatica di Copenhagen che modificherà i parametri adottati dal protocollo di kiòto.Io la vedo brutta: mettere d'accordo 160 nazioni del mondo per qunto riguarda l'ambiente ed il clima in piena crisi penso che sarà difficile,molto difficile.Ci sono riusciti già una volta ,ma come si dice Natale è una volta sola...
In ogni caso,ecco cosè questo trattato importantissimo per l'ambiente (tratto da wikipedia)
Il protocollo di Kyōto è un trattato internazionale in materia ambientale riguardante il riscaldamento globale sottoscritto nella citta giapponese di Kyōto l'11 dicembre 1997 da piu di 160 paesi in occasione della Conferenza COP3 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). Il trattato è entrato in vigore il 16 febbraio 2005, dopo la ratifica anche da parte della Russia.
Il 16 febbraio 2007 si è celebrato l'anniversario del secondo anno di adesione al protocollo di Kyōto, e lo
stesso anno ricorre il decennale dalla sua stesura.Il trattato prevede l'obbligo in capo ai paesi industrializzati
di operare una riduzione delle emissioni di elementiinquinanti (biossido di carbonio ed altri cinque gas serra,
ovvero metano, ossido di diazoto, idrofluorocarburi, perfluorocarburi ed esafluoruro di zolfo) in una misura non inferiore al 5% rispetto alle emissioni registrate nel 1990 — considerato come anno base — nel periodo 2008-2012
Il protocollo di Kyōto prevede il ricorso a meccanismi di mercato, i cosiddetti Meccanismi Flessibili; il principale
meccanismo e il Meccanismo di Sviluppo Pulito. L'obiettivo dei Meccanismi Flessibili e di ridurre le emissioni al
costo minimo possibile; in altre parole, a massimizzare le riduzioni ottenibili a parita di investimento.
Perche il trattato potesse entrare in vigore, si richiedeva che fosse ratificato da non meno di 55 nazioni firmatarie e
che le nazioni che lo avessero ratificato producessero almeno il 55% delle emissioni inquinanti; quest'ultima
condizione e stata raggiunta solo nel novembre del 2004, quando anche la Russia ha perfezionato la sua adesione.
Premesso che l'atmosfera terrestre contiene 3 milioni di megatonnellate (Mt) di CO2, il Protocollo prevede che i paesi industrializzati riducano del 5% le proprie emissioni di questo gas. Il mondo immette 6.000 Mt di CO2, di cui
3.000 dai paesi industrializzati e 3.000 da quelli in via di sviluppo; per cui, con il protocollo di Kyōto, se ne
dovrebbero immettere 5.850 anziche 6.000, su un totale di 3 milioni. Ad oggi, 174 Paesi e un'organizzazione di integrazione economica regionale (EEC) hanno ratificato il Protocollo o hanno avviato le procedure per la ratifica.Questi paesi contribuiscono per il 61,6% alle emissioni globali di gas serra.
Il protocollo di Kyōto prevede inoltre, per i Paesi aderenti, la possibilita di servirsi di un sistema di meccanismi flessibili per l'acquisizione di crediti di emissioni:
• Clean Development Mechanism (CDM): consente ai paesi industrializzati e ad economia in transizione di
realizzare progetti nei paesi in via di sviluppo, che producano benefici ambientali in termini di riduzione delle
emissioni di gas-serra e di sviluppo economico e sociale dei Paesi ospiti e nello stesso tempo generino crediti di
emissione (CER) per i Paesi che promuovono gli interventi.
• Joint Implementation (JI): consente ai paesi industrializzati e ad economia in transizione di realizzare progetti per
la riduzione delle emissioni di gas-serra in un altro paese dello stesso gruppo e di utilizzare i crediti derivanti,
congiuntamente con il paese ospite.
• Emissions Trading (ET): consente lo scambio di crediti di emissione tra paesi industrializzati e ad economia in
transizione; un paese che abbia conseguito una diminuzione delle proprie emissioni di gas serra superiore al
proprio obiettivo puo cosi cedere (ricorrendo all’ET) tali "crediti" a un paese che, al contrario, non sia stato in
grado di rispettare i propri impegni di riduzione delle emissioni di gas-serra.
Nel novembre 2001 si tenne la Conferenza di Marrakech, settima sessione della Conferenza delle Parti.In questa sede, 40 paesi sottoscrissero il Protocollo di Kyōto. Due anni dopo, piu di 120 paesi avevano aderito al trattato, fino all'adesione e ratifica della Russia nel 2004, considerata importante poiche questo paese produce da solo il 17,6% delle emissioni. Ad Ottobre 2009 gli stati
che hanno aderito e ratificato il protocollo risultano184.
I paesi in via di sviluppo, al fine di non ostacolare la loro crescita economica frapponendovi oneri per essi
particolarmente gravosi, non sono stati invitati a ridurre le loro emissioni. L'Australia, che aveva firmato ma non ratificato il protocollo, lo ha ratificato il 2 dicembre 2007.
Tra i paesi non aderenti figurano gli USA, cioe i responsabili del 36,2% del totale delle emissioni (annuncio del
marzo 2001). In principio, il presidente Bill Clinton aveva firmato il Protocollo durante gli ultimi mesi del suo
mandato, ma George W. Bush, poco tempo dopo il suo insediamento alla Casa Bianca, ritiro l'adesione inizialmente
sottoscritta. Alcuni stati e grandi municipalita americane, come Chicago e Los Angeles, stanno studiando la
possibilita di emettere provvedimenti che permettano a livello locale di applicare il trattato. Anche se il
provvedimento riguardasse solo una parte del paese, non sarebbe un evento insignificante: regioni come il New England, da soli producono tanto biossido di carbonio quanto un grande paese industrializzato europeo come la Germania.
L'India e la Cina, che hanno ratificato il protocollo, non sono tenute a ridurre le emissioni di anidride carbonica nel
quadro del presente accordo, nonostante la loro popolazione relativamente grande. Cina, India e altri paesi in via di sviluppo sono stati esonerati dagli obblighi del protocollo di Kyōto perche essi non sono stati tra i principali
responsabili delle emissioni di gas serra durante il periodo di industrializzazione che si crede stia provocando oggi il
cambiamento climatico. I paesi non aderenti sono responsabili del 40% dell'emissione mondiale di gas serra.

Nessun commento: