sabato 31 luglio 2010

l'acqua diventa un diritto

IN questi giorni una notizia importante e bellissima che mi sono fatto sfuggire ma è talmente importante per le sue ripercussioni future che la voglio pubblicare lo stesso:dopo oltre 15 anni di dibattiti sulla questione,l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato un documento che stabisce l'accesso all'acqua come un diritto umano universale. A favore di una risoluzione in tal senso (presentata dalla Bolivia) hanno votato 122 Paesi, mentre altri 41 si sono astenuti: tra questi Stati Uniti, Gran Bretagna, Israele, Giappone, Olanda, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Polonia, Nuova Zelanda, Romania, Turchia, Ucraina.
Il testo dichiara che "l'accesso a un'acqua potabile pulita e di qualità, e a installazioni sanitarie di base, è un diritto dell'uomo, indispensabile per il godimento pieno del diritto alla vita". La risoluzione ha preso spunto dal fatto che 884 milioni di persone nel mondo non hanno accesso all' acqua potabile, e che più di 2,6 miliardi di persone, per lo più bambini, non dispongono di postazioni mediche di base. Secondo le organizzazioni umanitarie, sono circa due milioni i bambini che ogni anno nel mondo muoiono di sete o in seguito a malattie contratte per aver bevuto acqua non potabile e che non possono essere curate per la mancanza di servizi sanitari accessibili. Il testo invita gli Stati e le organizzazioni internazionali ad adoperarsi per fornire aiuti finanziari e tecnologici ai Paesi in via di sviluppo e li esorta a "aumentare gli sforzi affinchè tutti nel mondo abbiano accesso all'acqua pulita e a installazioni mediche di base".
fonte:peacereporter

mercoledì 28 luglio 2010

dexter

Il 26 settembre inizierà negli Stati Uniti la quinta stagione di Dexter,forse la miglior serie degli ultimi anni della televisione americana.Please,i bambini a letto e non sono immagini per i più impressionabili.
Ecco il trailer,dove si vede che la serie inizia pochi attimi dopo lo sconvolgente finale della scorsa stagione.

domenica 25 luglio 2010

giovedì 22 luglio 2010

fantafilmpedia

Annuncio la nascita di un nuovo blog :fantafilmpedia.Questo blog nasce per conciliare la mia passione per il cinema e per la fantascienza.Mi piace molto anche classificare le cose,metterle in ordine,archiviare notizie,quindi è nato questo blog-enciclopedia.Come scopo immediato ha il proporre interessanti schede tecniche con una recensione o notizie riguardanti il film stesso che preleverò da diverse fonti:come noteranno i lettori alla fine della scheda dò la possibilità di proporre una valutazione del film stesso.Le schede verranno aggiornate come un blog e poi notificherò anche le varie classifiche di valutazione che usciranno dalle votazioni dei lettori:buon divertimento a tutti!

mercoledì 21 luglio 2010

referendum acqua pubblica

Della privatizzazione dell’acqua ne parlo anche qui.Lunedì 19 luglio, il Comitato Promotore dei Referendum per l'acqua pubblica ha consegnato oltre un milione e quattrocentomila firme presso la Corte di Cassazione.Un risultato che segna un passo importante nella storia della democrazia e della partecipazione in questo Paese. Nessun referendum nella storia repubblicana ha raccolto tante firme.L’appuntamento e per la prossima primavera, quando si terrà il referendum contro la privatizzazione dei servizi idrici. Un risultato che oggi, alla luce del “risveglio democratico” a cui si è assistito nei mesi della raccolta firme, sembra assolutamente raggiungibile.Adesso il comitato chiede al Governo di emanare un provvedimento legislativo che disponga la moratoria degli affidamenti dei servizi idrici previsti dal Decreto Ronchi almeno fino alla data di svolgimento del referendum. Chiedono inoltre alle amministrazioni locali di non dare corso alle scadenze previste dal Decreto Ronchi. Un milione e quattrocentomila firme rappresentano una delegittimazione di qualunque scelta tesa ad applicare il Decreto, a maggior ragione per quelle amministrazioni che vogliono addirittura anticiparne le scadenze.Il prossimo appuntamento del popolo dell'acqua è il prossimo 18 e 19 di settembre, quando, probabilmente a Firenze, si terrà l'assemblea dei movimenti per l'acqua.

lunedì 19 luglio 2010

marea nera cinese

Clamoroso per trovare risposte alla marea nera e all’incredibile disastro della Deepwater Horizon, si batte la pista cinese. Secondo alcuni giornali americani, infatti, Bp avrebbe mandato a ispezionare in Cina la valvola di sicurezza anti-disastro.Proprio il dispositivo che non ha funzionato, causando la terribile fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. A quanto pare, inoltre, non si tratterebbe di un episodio isolato ma di una pratica assai diffusa nel settore petrolifero.I motivi sono prettamente economici: tutto in Cina costa meno, persino i controlli ingegneristici.Se non fosse che, poi, il detto “chi più spende meno spende” ha sempre ragione: di pochi giorni fa, infatti, la notizia che Bp sta vendendo i gioielli di famiglia per pagare i debiti causati dal disastro. Riguardo ai controlli agli impianti di sicurezza, poi, già due mesi fa l’Huffington Post mise in luce i meccanismi del tutto opachi che regolano (o meglio, “deregolano”) l’industria petrolifera americana: controllori e controllati che coincidono, con buona pace della sicurezza.

fonte:ecoblog

mercoledì 14 luglio 2010

meno petrolio,please!

Ecco i consigli di Greenpeace per usare meno petrolio, e ridurre la domanda di un prodotto che sta inquinando i mari e devastando le spiagge di mezzo mondo.
1. Per andare al lavoro usa la bicicletta o il trasporto pubblico, il car pooling o il car sharing
2. Quando puoi, scegli prodotti confezionati senza plastica (che deriva dal petrolio), e in ogni caso ricicla o riutilizza i contenitori
3. Acquista frutta e verdura biologica: il più delle volte, fertilizzanti e pesticidi contengono derivati del petrolio
4. Compra prodotti di bellezza (shampoo, sapone, trucchi) a base di ingredienti naturali, senza derivati del petrolio
5. Scegli, quando possibile, prodotti di produzione locale. Così si riducono i consumi legati al trasporto
6. Indossa abiti realizzati in cotone o fibre naturali (meglio se da coltivazioni biologiche) anziché quelli prodotti utilizzando derivati del petrolio
7. Non usare stoviglie in plastica usa e getta
8. Smettila di bere acqua in bottiglia
9. Vola di meno e preferisci il treno per i tuoi viaggi
10. Chiedi al tuo Governo di incoraggiare lo sviluppo delle energie rinnovabili e di cancellare i sussidi al petrolio e ai combustibili fossili

lunedì 12 luglio 2010

una nuova marea nera?

La Malesia rischia di fare la fine della Louisiana? Non si sa ed è presto per dirlo ma la cosa certa è che a circa 240 chilometri dalla costa ci sono alcune piattaforme petrolifere che perdono petrolio.Petronas, la compagnia statale dell’energia, parla di piccole perdite di petrolio nelle acque che circondano le piattaforme. Non dice, però, quanti siano gli impianti ad avere problemi né quanto petrolio stia uscendo.Ha ammesso, però, il blocco di alcuni impianti e la presenza in loco di alcune squadre che stanno lavorando per ripulire il mare. Confermato anche l’utilizzo, sul fondo dell’oceano, di un robot per individuare il punto esatto della falla.Speriamo che le somiglianze con la tristissima storia della Deepwater Horizon, e della conseguente marea nera, finiscano qui.fonte:ecoblog

venerdì 9 luglio 2010

centrali nucleari in italia

Apprendo dal sito Borsaitaliana.it ,la solita cosa italiana.Ecco perchè in Italia non dobbiamo fare le centrali nucleari la sicurezza non è rinviabile per nessun motivo..."Sei mesi di ritardo, nella migliore delle ipotesi. L'avvio del programma nucleare italiano e' ufficiosamente rinviato al 2011. Il fatto che sia stato appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo statuto dell'Agenzia per la sicurezza nucleare cambia poco. Troppe sono, infatti, le caselle che restano ancora da riempire. In attesa del regolamento di organizzazione e funzionamento, ancora da approvare, l'Agenzia e' una scatola vuota, senza uffici ne' vertici. Eppure ha il compito fondamentale di definire le regole per la scelta dei siti dove sorgeranno le nuove centrali nucleari italiani.
Considerando che sono passati quasi tre mesi da quando il ministero dell'Economia ha dato il primo via libera, si legge in un articolo di MF, ci si poteva aspettare qualcosa di piu'. Invece ci vorra' un altro decreto del presidente del Consiglio anche solo per attribuire una sede alla nuova Agenzia..."

martedì 6 luglio 2010

diritto ad internet

Leggo da Internazionale:”Dal 1 luglio 2010 in Finlandia internet è considerato ufficialmente un servizio fondamentale. Il parlamento ha infatti sancito il diritto di ogni cittadino ad avere una connessione minima garantita di un megabit al secondo nella propria residenza o al posto di lavoro.Sul sito dell’Autorità per le comunicazioni finlandese si legge che la connessione può essere via cavo o wireless e dev’essere attivata in un tempo e a un prezzo ragionevoli.Inoltre il governo s’impegna ad alzare la banda minima da uno a cento megabit al secondo entro il 2015. In un’intervista alla Bbc la ministra delle comunicazioni, Suvi Linden, ha spiegato che questa decisione è stata presa “valutando l’importanza di internet nella vita quotidiana dei finlandesi: non è più solo un mezzo d’intrattenimento. La Finlandia ha lavorato molto per sviluppare una società dell’informazione e solo un paio di anni fa ci siamo resi conto che non tutti avevano accesso alla rete”. In Finlandia il 96 per cento della popolazione è connessa a internet.È una rivoluzione che dovrebbe far vergognare la Gran Bretagna, scrive Shane Richmond, caporedattore della sezione tecnologia del Telegraph. Anche se la Finlandia ha meno abitanti di Londra, il fatto che sia sparsa in un territorio ampio e poco accessibile fa sì che l’iniziativa del governo sia degna di nota. In Gran Bretagna, la velocità media delle connessioni a internet è di 3,6 megabit al secondo, ma solo il 73 per cento delle persone ne ha una.Richmond si chiede inoltre se sia corretto considerare l’accesso a internet un diritto. Forse non è importante quanto il diritto alla libertà d’espressione, conclude, ma si può sicuramente paragonare all’accesso all’elettricità e all’acqua corrente.”

lunedì 5 luglio 2010

cronache del ghiaccio e del fuoco

La HBO ha rilasciato il primo trailer ufficiale e la prima foto ufficiale della serie”il Gioco del Trono” .Proprio in questi giorni sto leggendo il Portale delle Tenebre che fa parte del ciclo fantasy:”Cronache del ghiaccio e del fuoco”.Alcune notizie fondamentali da wikipedia:questa è una serie di romanzi fantasy epico scritti da George Raymond Richard Martin che iniziò a scrivere la saga nel 1991, anche se il primo libro venne pubblicato in America nel 1996. Nata originariamente per essere una trilogia, la saga ha acquistato spessore durante il corso degli anni, al punto tale che, secondo Martin stesso, per poter portare a conclusione l'intera storia saranno necessari almeno sette volumi, dei quali il quinto è attualmente in fase di lavorazione. L'autore ha scritto anche dei racconti che approfondiscono alcuni punti della trama. Uno di questi, Sangue di drago, ha vinto nel 1997 il Premio Hugo.Il ciclo è stata tradotto in diciotto lingue, raggiungendo velocemente ampia fama. È il lavoro più conosciuto di Martin e da esso sono stati tratti un gioco di carte collezionabili, un gioco da tavolo e un gioco di ruolo; inoltre, l'emittente televisiva statunitense HBO sta realizzando un adattamento televisivo della saga.Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono una saga apprezzata per i suoi personaggi estremamente dettagliati ed intriganti nonché per gli improvvisi e spesso sorprendenti colpi di scena. In tutta la storia si riscontra, inoltre, una certa malinconia di fondo che, in un connubio con la descrizione di scene di guerra e di sesso molto crude, è capace di rendere l'idea di un mondo reale, vibrante e suggestivo. Nelle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco la magia, che spesso è un elemento preminente della narrativa fantasy, viene invece utilizzata in modo limitato e sottile, impiegandola solo in rari casi, quasi fosse una forza oscura, ambigua e difficilmente controllabile

L'intera saga è scritta in terza persona e raccontata attraverso gli occhi di numerosi protagonisti. Dal primo volume fino alla fine del quarto, ultimo pubblicato ad oggi, i personaggi POV sono stati venticinque. George Martin, peraltro, è riconosciuto per la sua spietatezza nei confronti dei personaggi delle sue storie.

In Italia Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono pubblicate dall'Arnoldo Mondadori Editore.

venerdì 2 luglio 2010

la marea nera contro la salute

La marea nera di petrolio della BP, oltre agli effetti immediati su ambiente, economia e turismo, rischia di causare gravi danni alla salute umana. In particolare quella dei lavoratori che sono costantemente a contatto con il greggio.L’organizzazione non profit statunitense Institute of Medicine ha organizzato una conferenza a Washington per discutere l’impatto dell’incidente della Deepwater Horizon sotto questo punto di vista.New Scientist, riportando i risultati della conferenza, elenca tutti i possibili disturbi causati dal greggio.L’esposizione ai fumi del petrolio crea danni immediati ma reversibili: irritazione a occhi, gola e pelle, mal di testa, nausea e sintomi simili all’influenza. Inoltre le crescenti temperature di questo periodo, miste agli effetti del greggio, aumentano sensibilmente il pericolo di insolazioni. Gli effetti più gravi sono però causati dalle componenti volatili cancerogene che possono alterare il dna umano, come il benzene.Tutti coloro che si espongono a questi fumi sono a rischio e, per ovvi motivi, i più danneggiati sono i lavoratori e i volontari che da settimane si stanno impegnando per pulire la zona. Non solo perché sono costretti a stare continuamente a contatto con le sostanze tossiche, ma anche perché, dovendo lavorare in molti e rapidamente, non sempre c’è il tempo di assimilare al meglio le procedure di sicurezza. Sono in particolare i volontari a essere i meno tutelati.Secondo una recente indagine di Propublica, un’agenzia giornalistica non profit di New York, dal 17 giugno si sono ammalati 307 lavoratori. Il triplo rispetto a quanto denunciato dalla Bp il 10 giugno. Secondo l’agenzia questo è dovuto sia all’aumento del numero di lavoratori sia a un ritardo nel registrare le malattie.fonte:internazionale

giovedì 1 luglio 2010

l’unita d’italia

Diceva Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour (1810 – 1861), politico e uomo di stato italiano:”L'Italia del Settentrione è fatta, non vi sono più né Lombardi, né Piemontesi, né Toscani, né Romagnoli, noi siamo tutti italiani; ma vi sono ancora i Napoletani. Oh! vi è molta corruzione nel loro paese. Non è colpa loro, povera gente: sono stati così mal governati! E quel briccone di Ferdinando! No, no, un governo così corruttore non può essere più restaurato: la Provvidenza non lo permetterà. Bisogna moralizzare il paese, educar l'infanzia e la gioventù, crear sale d'asilo, collegi militari: ma non si pensi di cambiare i Napoletani ingiuriandoli. Essi mi domandano impieghi, croci, promozioni. Bisogna che lavorino, che siano onesti, ed io darò loro croci, promozioni, decorazioni; ma soprattutto non lasciar passargliene una: l'impiegato non deve nemmeno esser sospettato. Niente stato d'assedio, nessun mezzo da governo assoluto. Tutti son capaci di governare con lo stato d'assedio. Io li governerò con la libertà, e mostrerò ciò che possono fare di quel bel paese dieci anni di libertà. In venti anni saranno le provincie più ricche d'Italia. No, niente stato d'assedio: ve lo raccomando”. (citato daGiosuè Carducci in Lettere del Risorgimento Italiano.)Diceva Giuseppe Garibaldi (1807 – 1882), generale, condottiero e patriota italiano:”Per pessimo che sia il Governo italiano, ove non si presenti l'opportunità di facilmente rovesciarlo, credo meglio attenersi al gran concetto diDante: "Fare l'Italia anche col diavolo". (da Testamento politico)Diceva Giuseppe Mazzini (1805 – 1872), patriota, politico e filosofo italiano:” La coscienza umana ha decretato che il governo di Napoli, il governo del papa, il governo dell'Austria in Italia hanno meritato perire. Chi vibra il colpo è esecutore di quel santo decreto. Chi si frappone, si dichiara proteggitore del male. Un grido s'innalza dal core dell'umanità per dirgli : lasciate passare la giustizia di Dio.”