venerdì 4 dicembre 2009

giornalisti in pericolo

Il mestiere di giornalista è  uno dei mestieri più pericolosi al mondo,specialmente se si fà in zone di guerra o in regimi dittatoriali, e lo conferma quello che è successo recentemente a Mogadiscio dove tre giornalisti sono morti in un'esplosione , che ha ucciso almeno 22 persone, compresi tre ministri del governo. Altri due giornalisti sono feriti gravemente. Un attentatore suicida ha fatto esplodere la bomba durante una cerimonia del diploma universitario presso l'Hotel Shamo. Diversi giornalisti sono stati uccisi in Somalia di quest'anno, che lo rendono uno dei paesi più letali al mondo per la stampa, e il più sanguinoso in Africa.A difendere il giornalista oppresso ci pensa il Committee to Protect Journalists che è un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro fondata nel 1981 con sede a New York che promuove la libertà di stampa in tutto il mondo, difendendo i diritti dei giornalisti di riferire la notizia, senza timore di rappresaglie.
Nel sito sono raccolte le seguenti statistiche:
36 giornalisti uccisi nel 2009
763 giornalisti uccisi dal 1992
485 i giornalisti uccisi impunemente dal 1992
30 giornalisti scomparsi in tutto il mondo
Queste le prime quattro nazioni dell'anno in corso:
Somalia: 6
Iraq: 4
Pakistan: 4
Russia: 3
CPJ organizza vigorose proteste pubbliche opera attraverso i canali diplomatici per difendere i giornalisti in pericolo in tutto il mondo. CPJ pubblica articoli, comunicati stampa, relazioni speciali, una rivista semestrale e un'indagine annuale a livello mondiale della libertà di stampa .CPJ gestisce anche l'annuale CPJ International Press Freedom Award, che premia ed onora i giornalisti e sostenitori della libertà di stampa che hanno subito percosse, minacce, intimidazioni e la prigione per aver segnalato la news.
CPJ è un membro fondatore della International Freedom of Expression Exchange (IFEX), una rete globale di oltre 70 organizzazioni non governative che monitora le violazioni della libera espressione di tutto il mondo e difende i giornalisti, scrittori,blogger e altri che sono perseguitati per aver esercitato il loro diritto di libertà di espressione.

Nessun commento: